Petit Bateau celebra i 100 anni della culotte (1918 – 2018)

La culotte compie 100 anni! Era il 1918 quando Petit Bateau l’ha inventata. Un secolo di innovazione nei materiali, di evoluzione dei tagli, di creazioni fantasiose e pubblicità pionieristiche; soprattutto, un secolo di libertà di movimento grazie a questo indumento intimo che è riuscito a reinventarsi rendendosi irresistibile con discrezione, tanto che quasi ci si dimentica di indossarlo!

L’origine (by Farid Chenoune)

La culotte Petit Bateau può essere considerata uno dei capi moderni più rivoluzionari, eppure il suo valore passa quasi inosservato. Come per tutte le storie leggendarie nel campo della moda, ci si può chiedere “come tutto abbia avuto origine”. Una cosa è certa: il 10 giugno 1920 Étienne Valton ha registrato il marchio “Petit Bateau” in nome della compagnia “Valton & Sons”, creata con i suoi fratelli André e Xavier, tutti eredi di una rispettata azienda di maglieria di Troyes.

Questo nuovo modello ha sostituito l’indumento intimo tradizionale che aveva lo svantaggio di essere troppo lungo e non pratico nelle fasi di cambio. Con un colpo di forbici, Étienne Valton lo ha reso inequivocabile. Era nato un “intimo senza gambe”, per di più realizzato a maglia con un punto chiamato “2×2 rib”. La mutandina è stata proposta in lana, lana e misto cotone o puro cotone. Ma è stato il puro cotone bianco che rese la lavorazione a costina 2×2 un vero successo, portando la culotte ad acquisire una sensazionale morbidezza e flessibilità, caratteristiche che permisero ai bambini del dopoguerra – i cosiddetti bambini “Cadum Soap” – di dimenticare le irritazioni del passato.

I bambini delle Avanguardie

A partire dal 1913, Étienne Valton ha usato il nome “Petit Bateau” su alcune mutande destinate ai bambini, prendendolo in prestito da una popolare ninna nanna che sua moglie Germaine cantava ai loro figli. La guerra tuttavia bloccò temporaneamente questa storia sul nascere fino al 1918 quando tutto riprese associando una tecnica di lavorazione nuova che assicurava libertà, comfort e qualità a una formula magica, intrisa di poesia, freschezza e spirito dell’infanzia. La culotte Petit Bateau, chiamata “400” nella sua versione originale, è nata da questa unione. Ancor prima che il marchio e il modello fossero brevettati, il successo fu immediato; i bambini lo adoravano e così anche le mamme. Tra il 1921 e il 1930 furono prodotte più di 30 milioni di etichette Petit Bateau. “30 milioni di volte, questo nome è stato pronunciato ed è risuonato nelle calzetterie francesi”, disse l’autore di un documento datato 1930.

A caccia di pirati!

Se da una parte la “400” era il prodotto di punta del marchio, dall’altra non era il solo a presentare l’etichetta con il piccolo veliero. L’offerta Petit Bateau comprendeva infatti anche biancheria intima di ogni tipo, abiti per piccoli e grandi di entrambi i sessi. La sua qualità e i prezzi si rivolgevano alle classi medio-alte, senza dimenticare i consumatori dei grandi magazzini. Attratte da questo successo, copie e imitazioni si precipitarono a salire a bordo: Petit Breton, Petit Coq, Petit Mousse, Petit Pierrot, Petit Tambour, ecc. “Petit Bateau è un nome magico: anche per i nostri concorrenti “, osservò André Valton, con un certo tono di soddisfazione, nel 1928.

Lunga vita alla libertà di movimento!

Negli anni ’30, l’iconica culotte evolve: cintura in resistente Bateaulastic, tagli sempre più alti ai lati e dal 1935, una nuova lavorazione a costina chiamata “1×1”: più fine, più flessibile e più morbida della 2×2. Queste innovazioni avevano uno scopo: grazie all’esperienza di Petit Bateau nella lavorazione della maglia, hanno permesso più libertà al corpo – il corpo che, a partire dall’inizio del XX° secolo, aspirava ad essere prestante, in salute ed atletico. La mutandina Petit Bateau rappresentava lo spirito dei tempi, così come i “Grandi indumenti” del moderno guardaroba che hanno trasformato le maglie in morbidi involucri di un corpo finalmente liberato dai vincoli del corsetto: le maglie di Chanel, i cardigan di Patou e i capi di Madeleine Vionnet seguirono a ruota. Proprio come Étienne Valton aveva fatto nel 1918 con le sue forbici, le lunghezze dei capi si accorciarono e così i capelli e le gonne.

Marinette e la pubblicità

Nel 1927, Blaise Cendrars, interrogato su quale fosse la settima meraviglia del mondo moderno, rispose: la pubblicità. Petit Bateau si è subito distinta per i suoi “annunci pubblicitari”. Étienne Valton era appassionato di slogan: «Culotte Petit Bateau: Pour bien habiller les enfants»”; «Porter la Culotte Petit Bateau, c’est aimer le Bon et le Beau»…Un segno tangibile della sua popolarità, fu il fatto che il marchio fu presente nelle popolari “Slogan Competitions” tenute dalla stampa. È apparso in una moltitudine di pubblicazioni: L’Illustration, Femina, Le Temps, Paris-Soir, Benjamin, ma anche L’Avenir d’Arcachon e Le Cri des travailleurs de Nice.

La mascotte delle pubblicità di Petit Bateau era il personaggio di Marinette, creato nel 1924 dall’illustratrice Beatrice Mallet. La ragazza gioiosa e paffutella con tre piccoli fiocchi nei suoi capelli è diventata la figura di riferimento del marchio e le sue mutandine per piccini e grandi divennero famose come i giovani eroi dei “fumetti” del tempo. Pubblicità creativa, innovazione tecnica, un nuovo senso dello spirito dei tempi e l’eccellenza del prodotto erano le qualità riconosciute all’International Exhibition of Arts and Techniques del 1937, quando il Grand Prize venne dedicato alla mostra di Petit Bateau e ai suoi adorabili modelli di Pierre Imans.

Il modello Originale

La prima mutandina creata da Petit Bateau nel 1918 aveva una forma semplice, quasi quadrata, un po’ come i boxer moderni, a vita alta e con un taglio alto sui lati. L’originale è stato rielaborato per l’estate 2018 all’interno di una Anniversary Collection: i nastrini che regolavano la cinta sono sostituiti da piccoli bottoni decorativi, applicati con un tocco sartoriale.

Il modello Classico

Il taglio della classica mutanda bianca di Petit Bateau si è evoluto in modo sottile nel tempo con un lavoro meticoloso sulla forma e i materiali. Come tutti i grandi classici, è costantemente reinventato per stare al passo con i tempi. Il modello classico valorizza al meglio le caratteristiche del marchio con rifinitura di picot e piccolo fiocco davanti.

Il modello arricciato

Questo panty arricciato in costina leggera è un classico di Petit Bateau per i bimbi che dal 2007 ha adottato la mitica millerighe creata nel 1970 e oggi si propone per la primavera 2018 alle ragazze e donne.

I materiali e i cambiamenti

In una composizione musicale, il silenzio è altrettanto importante del suono. Accade lo stesso con la maglia: lo spazio tra i punti è importante quanto il punto stesso, perché quello è ciò che dona elasticità. E per un indumento intimo, una vera seconda pelle, l’elasticità è fondamentale. Le mutandine Petit Bateau sono principalmente a coste e realizzate con il miglior cotone.

1. costa 2×2

E’ un tessuto a maglia 240 gr / mq. È fabbricato su un classico calibro 20 (questo significa che ci sono 20 aghi per pollice sulla macchina), alternando 2 punti sul retro e 2 punti sul davanti. Meno stretto rispetto alla costa 1×1, questo storico Petit Bateau rib, con il suo supporto rende il punto più visibile. Questo è il tessuto dell’originale.

2. costa 1×1

E’ un tessuto a maglia 185 gr / mq, fatto su un classico calibro18 a maglia circolare con più di 1680 aghi. Più flessibile e tattile, offre totale libertà di movimento. Questo è il tessuto del Classico.

3. Costina leggera, lavorata a coste 1×1

E’ un tessuto a maglia da 110 gr / mq. fabbricato in un più fine calibro, con 24 aghi per pollice. È molto leggero e morbido, come una seconda pelle. Questo è il tessuto della mutandina arricciata.

Petit Bateau non trascura le evoluzioni introdotte negli ultimi 100 anni e si muove sempre al passo con i tempi. La maglia di cotone / spandex è un tessuto a maglia riconoscibile per la sua micro garterstitch sul retro. Il suo peso è di 160 gr / m 2 ed è lavorato a maglia su una macchina calibro 28. Viene prodotto con 2 diversi filati, un cotone e uno spandex placcato, combinati nella fase di lavorazione a maglia. È quindi composto da 93% di cotone e 7% di spandex. La sua consistenza è più fitta e la sua morbidezza deriva non solo dalla sua struttura a maglia, ma anche dalla composizione del filato stesso.

La culotte a colori

Ogni stagione il team di Petit Bateau propone nuovi colori e stampe.

Storia a colori

1. Latte, blu intenso, carminio, rosa, rosso mattone, verde oliva, giallo brillante: tutte le sfumature delle mutandine Petit Bateau vengono ideate dal design office e sviluppate dal laboratorio del colore a Troyes.

2. Ogni tonalità è unica e la ricetta esclusiva, registrata in un’immensa biblioteca che oggi contiene oltre 2.300 tonalità.

3. I colori Petit Bateau sono certificati OEKO-TEX ® Standard 100*. Sono sviluppati per essere perfettamente stabili nel tempo e nei lavaggi.

* OEKO-TEX ® Standard 100: Oeko-Tex ® è il più rigoroso possibile etichetta tessile europea nella protezione dei consumatori arena. Tutte le mutandine Petit Bateau sono etichettate Oeko-Tex ®

Stampe

Petit Bateau e l’arte dell’illustrazione: una lunga storia d’amore.

Fin dalle prime “pubblicità” disegnate da Beatrice Mallet nel 1920 con la sua famosa Marinette, attraverso i cataloghi e scatole per confezionare i suoi capi e collaborazioni con designer e illustratori, il marchio si è espresso sempre attraverso le illustrazioni. Per l’estate 2018 e per celebrarne i 100 anni, i designer di Petit Bateau hanno ricercato negli archivi storici della maison dei motivi che sono stati rielaborati per creare originali stampe all-over. L’ispirazione è anni ’50 e ’60: un’illustrazione del catalogo Invernale del 1967, un underwear box della collezione Estate 1957 e la copertina del catalogo Estate 1956 sono stati mixati con un risultato attuale, fresco e divertente.

Righe

Sono uno degli emblemi del marchio: la riga marinière, ripresa dal guardaroba dei marinai e rapidamente inclusa nel suo repertorio, così come la millerighe, un’invenzione di Petit Bateau, realizzata con macchine speciali. Il dipartimento crativo di Petit Bateau reinventa costantemente le righe, giocando con i colori, la struttura e gli effetti ottici. Un parco giochi dalle infinite possibilità. Per la collezione estate 2018, Petit Bateau decora la culotte originale con una delle sue iconiche strisce marinière, mentre le mutandine arricciate per le bimbe presentano righe e millerighe, nelle loro colorazioni originali.

Le collaborazioni

Tante le collaborazioni che il marchio ha abbracciato negli ultimi anni. Jean-Charles de Castelbajac, Ines de la Fressange e Wataru Tominaga (vincitore del Festival internazionale di moda e fotografia 2016 a Hyères) hanno creato la loro versione della mutandina. Le illustrazioni degli autori dell’École des Loisirs – Claude Ponti, Tomi Ungerer, Mario Ramos, Dorothée de Monfreid, Iris de Moüy – così come quelle di Keith Haring e dei disegni botanici di Deyrolle hanno lasciato il segno, poetico o fantasioso, su queste piccole creazioni di stoffa.

Il processo di lavorazione

La qualità di una culotte Petit Bateau inizia con la scelta del filato di cotone, un filato a fibre lunghe pettinato, selezionato con cura e rigorosamente ispezionato. Si sviluppa come fosse un bozzolo nelle macchine che lo lavorano a costine. Chilometri di tessuti a maglia vengono quindi stoccati nelle casse prima di essere lavati entrando nel processo di tintura. Le fasce di tessuto in streaming, ciascuna lunga 350 metri, sono quindi asciugate, stese e stabilizzate da tecnici specializzati. Poi arriva la fase di assemblaggio: prima viene tagliato il tessuto a maglia, quindi i pezzi sono cuciti insieme con estrema precisione e in ultimo sono applicate le finiture. Ogni passo è strettamente controllato, dalla qualità del filato a quello del capo finale: una culotte Petit Bateau è letteralmente testata a lungo in ogni punto prima di lasciare la fabbrica.

1 culotte corrisponde a…

2,4 km di filato di cotone

Una mutanda da donna Petit Bateau pesa in media 40 grammi.

È fatto da 2,4 km di filato di cotone extra puro selezionato dalle migliori colture di cotone.

1680 aghi

La mutandina inizia con macchine circolari per maglieria con un media di 1680 aghi per la macchina calibro 18, alimentata contemporaneamente da 60 coni di filato. Ci vogliono dalle 6 alle 8 ore per cambiare gli aghi di una macchina. Ci vogliono 3 anni per addestrare un tecnico di maglieria Petit Bateau di livello 3.

800 punti

Occorrono da 3 a 5 anni per addestrare un tecnico di cucito esperto. Un pantaloncino Petit Bateau misura M comprende circa 800 punti di sutura.

43 fasi di ispezione

Dal filato iniziale al prodotto finito, la mutandina subisce 43 fasi di ispezione e passa attraverso le mani di 15 persone.

4,7 milioni

Ogni anno vengono vendute circa 4,7 milioni di mutandine Petit Bateau nel mondo.

2 MINUTI 28 SECONDI

Le 6 fasi di produzione di un panty non cambiano mai:

Posizionamento della parte posteriore della culotte

+

Legatura: attaccare una banda pretagliata stretta di tessuto a maglia alle aperture delle gambe

+

Cucire la parte anteriore della mutanda su un lato

+

Posizionamento della cintura

+

Cucitura del lato rimanente

+

Ispezione: alla fine del processo produttivo la culotte viene confrontata con un modello di metallo.

=

1 culotte